Influencer indispensabili per ripresa del turismo 2021

Creator fondamentali per la ripresa del settore nell’estate 2021

La crisi nel settore turistico post Covid, infatti, sta colpendo soprattutto le città d’arte, sia le principali che i piccoli borghi. Secondo i dati diffusi da Assoturismo – CST nelle scorse settimane, con l’arrivo dell’estate si è presentata un’incoraggiante accelerazione delle prenotazioni per le località balneari e di montagna, ma per le mete artistiche lo scenario è ben diverso. Soprattutto a causa dei mancati afflussi di turisti stranieri, migliaia di strutture ricettive hanno deciso di non riaprire per la stagione estiva e, in generale, sono calate le tariffe di quelle rimaste, con fatica, aperte.

Un drastico calo di arrivi, tanto che nel decreto Sostegni Bis è stato istituito un contributo ad hoc di 15 milioni per le città d’arte, ancora in estrema difficoltà dopo il -90% di arrivi nel 2020.

A cercare di contenere la crisi, però, ci pensano gli influencer, impegnati in prima linea nel promuovere il patrimonio artistico e culturale italiano nei loro canali social seguiti da milioni di follower. Secondo una ricerca dell’agenzia di comunicazione Klaus Davi & Co, nell’ultimo anno sono diversi i casi di influencer o content creator che si sono prodigati per rilanciare il turismo in Italia, prima su tutti Chiara Ferragni che già dall’estate dell’anno scorso ha iniziato una “campagna” per sostenere luoghi di incommensurabile valore come i Musei Vaticani.

Ma, a parte qualche inciampo di influencer in trasferta come il recente caso di Imane Jane e Chiara Mapelli a Palermo, anche in questa estate le star dei social stanno dando il loro contributo.

Se hai un’azienda nel settore turismo e vuoi fare influencer marketing puoi andare su influbusiness.com e contattare i nostri esperti.

La fonte di questo articolo: Strettoweb

0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments