L’incredibile e tragica storia di Liccardo Rosario

Liccardo Rosario chi è

Chi è colui che ha fatto riscoprire un nuovo lato di Internet.

Il web è pieno di gente che vuole riuscire a farsi strada attraverso le varie piattaforme che quest’ultimo mette a disposizione, per questo anche essere un social media manager non è affatto semplice tra le varie strategie di marketing che possono lanciare persone sconosciute, mantenere o aumentare la credibilità dell’immagine di un’azienda, incrementare le vendite e molto altro. Un buon social media manager può garantire la propria professionalità attraverso i fatti e continuare a mantenere una grande abilità fino a riuscire a far esplodere la fama di una nuova star che è stata scoperta o di una nuova azienda che è riuscita a fare passi da gigante. Il social media manager è quindi un lavoro da non sottovalutare affatto e che potrebbe essere anche fondamentale per riuscire a farsi strada nel mondo dell’intrattenimento e non solo. Negli ultimi tempi questo ruolo è stato particolarmente discusso grazie ad una persona collegata ad esso che ha fatto parecchio parlare di sé: il suo nome è Liccardo Rosario.

La presentazione dell’uomo appena menzionato è partita nel migliore dei modi: Liccardo Rosario è stato infatti conosciuto per la prima volta in massa dal mondo dello streaming grazie ad Alessandro Cecchi Paone. Il celebre giornalista e conduttore televisivo è stato infatti invitato al Cerbero Podcast, uno degli show più importanti di Twitch Italia, e durante la trasmissione è stato ospite anche Liccardo Rosario. Il motivo della sua presenza è il fatto che quest’ultimo si sia presentato come il social manager ufficiale di Alessandro Cecchi Paone, a quel tempo cosa più che vera. Liccardo Rosario quindi è apparso per la prima volta al grande pubblico come una di quelle persone che ce l’hanno fatta ad esplodere, perché indubbiamente diventare il manager di un pezzo grosso della televisione è un traguardo importantissimo ed ancora di più se la cosa viene presentata in uno show tanto seguito come il Cerbero Podcast, il quale è condotto da Davide Marra (in arte Mr.Marra), Simone Santoro (in arte YouTube Fa Cagare) e Mr. Flame, influencer molto famosi su YouTube e su Twitch.

Liccardo Rosario social media manager
(Liccardo Rosario e Alessandro Cecchi Paone nella foto)

Tuttavia qualcosa ha cominciato a non quadrare dopo questa crescita di fama grazie alla presentazione positiva. Ivan Grieco, celebre streamer molto attivo nelle analisi del mondo dell’intrattenimento del web, è andato a dare un’occhiata alla figura di Riccardo Rosario, scoprendo che quest’ultimo, prima di Alessandro Cecchi Paone, ritenesse di aver già intrapreso un’attività da social media manager aiutando diverse persone. Fin qui nulla di strano, se non fosse che sul suo profilo Instagram Liccardo Rosario si presentasse come il social media manager più grande ed efficiente tra tutti quelli esistenti in Italia. Questo è un primato abbastanza strano per una persona che fino a quel momento non era mai stata menzionata da molti esponenti importanti del mondo del web e di Instagram. Tuttavia le opzioni potevano essere due: o Liccardo Rosario aveva semplicemente fatto una pubblicità non per forza esatta ma adatta ad imporsi rispetto agli altri social manager (avete presente quegli spot in stile “la caramella più buona del mondo”? Qualcosa di simile), o la sua efficienza è cresciuta talmente bene solo dietro le quinte da non essere molto conosciuto dal grande pubblico.

Tuttavia le cose si sono fatte decisamente più forti quando Ivan Grieco ha affermato che l’opzione non solo era la prima, ma anche che essa fosse molto più grave di quanto sia stata appena descritta: il celebre streamer ha infatti accusato Liccardo Rosario non solo di aver mentito sulla sua presentazione su Instagram, ma che quest’ultimo non fosse nemmeno un vero social manager e che ingannasse le persone che chiedono aiuto a lui. Un’accusa decisamente grave, fondata sul fatto che Liccardo Rosario non presentasse nessun dato che potesse garantire la tutela del cliente o che potesse descrivere un’abilità fondamentale ed efficiente per lo svolgimento del social manager. Liccardo Rosario si è immediatamente difeso dalle accuse di Ivan Grieco, affermando che queste ultime non fossero altro che delle falsità diffuse contro la sua persona per aumentare semplicemente la visibilità dello streamer. Per dare una definitiva chiusura che potesse dimostrare la validità delle loro affermazioni, entrambi hanno deciso di chiarire la cosa direttamente in una live del Cerbero Podcast dopo aver ricevuto l’invito in quest’ultima.

Durante la trasmissione, Ivan Grieco ha ripetuto le accuse contro Liccardo Rosario, mentre quest’ultimo rispondeva chiedendo di verificare l’effettiva validità del lavoro di Ivan Grieco, cosa che è stata fatta senza che si creasse nessun problema nei confronti dello streamer. A quel punto i presentatori del Cerbero hanno chiesto al social media manager di elencare qualche influencer suo cliente (oltre Alessandro Cecchi Paone) per cui il suo lavoro è stato fondamentale affinché potesse accrescere la propria fama, ma Liccardo Rosario ha risposto dicendo di non poter rivelare l’immagine dei suoi clienti senza autorizzazione per tutelare la loro privacy, cosa strana dato che gli influencer rendono pubblici i loro risultati. Allora è stato chiesto a Liccardo Rosario le sue competenze ed i suoi modi per aiutare gli influencer, ma invece di descriverli direttamente, quest’ultimo ha continuato a ribadire che essi sarebbero state trovati semplicemente andando a guardare sul suo profilo Instagram. I conduttori della live hanno insistito in una spiegazione più diretta, ma alla fine hanno deciso di accogliere la richiesta di Liccardo Rosario ed hanno dato un’occhiata al sito.

La prima cosa che è stata scoperta è che diversi follower di Liccardo Rosario sono dei bot, cosa che però non è potuta essere stata dimostrata come un inganno, dato che ci sono persone che mandano bot ad altri influencer di Instagram e lo stesso Ivan Grieco ha subito un attacco di bot sul suo profilo Instagram qualche giorno prima della live. In ogni caso, bot o non bot, i dati riportabili sul profilo Instagram di Liccardo Rosario non sono stati affatto sufficienti a far capire come funzionasse il suo lavoro ed il numero dei suoi clienti ha continuato ad essere un mistero. Sono stati richiesti quindi di nuovo chiarimenti sul suo lavoro, ma Liccardo Rosario ha continuato a non rispondere, se non affermando alcuni pochi elementi come il fatto di aver studiato il marketing per un anno a Londra… ma appena gli sono state rivolte delle domande in inglese per verificare la cosa prima lui si è rifiutato di rispondere (parlando italiano) e poi, dopo un po’ di tempo, ha fatto lui stesso due domande in inglese ad uno dei conduttori (con argomenti che non c’entravano nulla con i temi trattati nella live) sbagliando anche la sintassi e quindi rivelando almeno apparentemente di non saper padroneggiare la lingua.

Questo in sostanza è ciò che è successo nella live e quindi si può dedurre che per Liccardo Rosario è stato un completo disastro. Gli spettatori su Twitch sono stati migliaia e quando la live è stata caricata sul canale YouTube ufficiale del Cerbero Podcast, la situazione è diventata talmente tanto discussa che le visualizzazioni su YouTube sono arrivate ad oltre 300.000. L’attenzione mediatica della cosa non è sfuggita affatto ad Alessandro Cecchi Paone, il quale tuttavia non ha difeso il suo social media manager, ma anzi, ha affermato pubblicamente che quest’ultimo si era offerto di lavorare gratis per lui affinché potesse verificare le sue abilità e che, dopo tutto ciò che è successo, il noto conduttore televisivo ha deciso di licenziarlo. Quindi non solo l’unica persona famosa collegata a Liccardo Losario si è allontanata da quest’ultimo, ma essa ha permesso che lui lavorasse solo per delle prove e senza che l’ormai presunto social manager avesse ottenuto qualcosa per qualche merito in particolare. La situazione quindi è diventata sempre più scottante per Liccardo Rosario, il quale tuttavia ha continuato a difendersi estromettendo però dalle discussioni con i suoi spettatori qualunque menzione o prova effettiva sul licenziamento fatto da Alessandro Cecchi Paone.

E la ciliegina sulla torta è arrivata quando dal profilo Instagram di questa persona sempre più discussa è stata eliminata la definizione che lo ha classificato come il primo in Italia tra i social manager. Per molti questa è stata l’azione definitiva che ha fatto capire che Liccardo Rosario non ha fatto altro che mentire sul suo lavoro, sebbene abbia spiegato su quest’ultimo elemento il minimo del minimo del minimo, quindi non c’era molto su cui mentire. Tuttavia il presunto social media manager non si è arreso, specificando che presto sarebbero arrivate novità riguardanti anche azioni legali che avrebbero fatto capire definitivamente che lui non è un truffatore. I conduttori del Cerbero Podcast, ormai sempre più scettici sulle dichiarazioni di Liccardo Rosario (Simone Santoro aveva fatto un video di denuncia sul suo canale YouTube già dopo la prima live), hanno deciso di concedere a quest’ultimo un altro spazio nella trasmissione per permettere di fargli spiegare una volta per tutte come stanno le cose. La proposta è stata accettata da Liccardo Rosario e così una nuova live è iniziata.

Liccardo Rosario lavoro
(Mr.Flame, Davide Marra, Simone Santoro e Liccardo Rosario durante la live che si rivelerà essere fatale)

Finalmente la persona più chiaccherata del momento ha spiegato come lavora? Al contrario, le sue risposte sono state ancora più chiuse delle precedenti, affermando di non poter parlare a causa di procedimenti legali (rifiutando anche di spiegare il recente licenziamento). A quel punto i conduttori si sono sentiti fortemente presi in giro, ma poi è arrivato un punto di svolta: un altro social media manager (che ha voluto mantenere l’anonimato) ha chiesto di entrare nella live per confrontare i propri metodi lavorativi con quelli di Liccardo Rosario, affinché potesse difendere la professione che a causa di quest’ultimo ha ottenuto una pessima immagine. Liccardo Rosario ha sminuito fortemente il presunto collega (causando ancora più irritazione nei conduttori) nonostante quest’ultimo avesse fatto delle spiegazioni molto più dettagliate e concrete delle sue riguardo il lavoro in generale. Durante il confronto i conduttori hanno chiesto a Liccardo Rosario domande tecniche sul lavoro di un social media manager in generale (e quindi niente questioni personali), ma egli non ha risposto a nulla e le poche volte che ha cercato di farlo tutto è sembrato una veloce occhiata su Google, dato che le frasi erano identiche ed arrivate dopo essersi precedentemente rifiutato di rispondere.

Durante la diretta è inoltre successo un fatto strano: numerosi bot hanno colpito la live del Cerbero Podcast, una coincidenza molto strana dato che i bot erano appunto arrivati a Ivan Grieco poco dopo che quest’ultimo ha cominciato a parlare male di Liccardo Rosario. Il presunto social media manager ha negato di essere stato lui stesso, ma poco dopo che Davide Marra ha minacciato di denunciarlo nel caso dovesse scoprire che è stato lui a voler sabotare il Cerbero Podcast, i bot sono improvvisamente spariti ed hanno cominciato ad apparire in altri canali di Twitch famosi. Nulla è provato, ma il sospetto che sia stato proprio Liccardo Rosario a causare i bot ormai è estremamente alto. Alla live inoltre si sono aggiunti anche gli youtuber Marco Merrino (in arte Croix89) e Francesco Merrino (in arte Ciccio Merino), il quali hanno continuato a sottolineare (cosa già fatta in precedenza) come Liccardo Rosario non sia riuscito ancora a dimostrare qualcosa che potesse essere a suo favore, ma quest’ultimo non ha smesso di non rispondere alle domande.

Ma poi all’improvviso è arrivata la svolta definitiva: nella live una ragazza ha contattato in privato i conduttori, affermando di aver usufruito dei servizi di Liccardo Rosario e mandando degli screen in cui una persona che lavora per il presunto social media manager la minaccia con toni brutti affinché lei paghi immediatamente quello che deve loro. Inizialmente Liccardo Rosario dice che è si tratta di una truffa, poi dice che si tratta di un suo collaboratore e poi da la conferma di essere stato lui, contraddicendosi più volte. Ad un certo punto la ragazza, che si fa chiamare Roxana, entra direttamente in live e Liccardo Rosario la accusa di essere un’ingrata che lo diffama per visibilità, non permettendole di parlare fino a quando i conduttori non intervengono per dare a lei la possibilità di esporre la sua esperienza nonostante tutte le proteste di Liccardo Rosario che ha minacciato più volte di querelare.

Quando la ragazza ha parlato, tutto è finalmente venuto alla luce: senza realizzare alcun contratto, Roxana ha pagato Liccardo Rosario per far crescere la sua pagina ed i suoi metodi per aiutarla sono stati proporre hashtag, filtri… e nient’altro. Il tutto alla cifra di ben 358 euro. Attraverso questa testimonianza, provata con una fattura, Liccardo Rosario è stato definitivamente smascherato, ancora di più perché dopo la rivelazione è andato via dalla live ed in seguito non ha più mostrato altre prove nonostante abbia continuato e continui ancora a difendersi invano. Liccardo Rosario ci prova, ma continua a non dimostrare di essere un vero social manager ed ormai, soprattutto dopo aver totalizzato oltre 400.000 spettatori avuti con questa seconda live caricata su YouTube, per molti Riccardo Rosario è un truffatore che si è approfittato di molti ragazzi ingenui ed ignari del fatto che i loro soldi sarebbero andati persi.

Tuttavia questa vicenda, la quale ha avuto un impatto straordinario per il suo successo mediatico, è stata fortemente importante per mostrare ai ragazzi che ci sono persone che vogliono approfittare dell’ignoranza per arricchirsi a loro spese, quindi bisogna stare molto attenti. L’intervento del ragazzo che è un reale social manager è stato anche fondamentale con il suo il contrattacco ricordando l’importanza del social manager ed i forti vantaggi che si possono avere quando si riesce a trovare la persona giusta che dimostra vera professionalità con dati concreti. Questi avvenimenti quindi sono stati quindi molto importanti per il web italiano, da cui è stato evidenziato e ricordato enormemente sia il forte lato negativo che il forte lato positivo di un elemento fondamentale… e per questo dobbiamo ringraziare Ivan Grieco ed il Cerbero Podcast per le denunce fatte, ma soprattutto ironicamente dobbiamo ringraziare le negative e goffe azioni di Liccardo Rosario, così pericolose ma allo stesso tempo così mal gestite che nulla sarebbe passato inosservato e senza di esse gli altri suoi “colleghi” avrebbero continuato a tramare nell’ombra. Un avvenimento da non dimenticare.

Commenti