Victorlaszlo88 sulle critiche di Codacons a Luca Marinelli

Codacons Luca Marinelli

Non ha avuto problemi nell’essere in disaccordo.

Luca Marinelli è uno degli attori italiani più celebri del momento grazie alle sue performance che ottengono continue lodi da parte del pubblico e della critica. La sua ultima interpretazione avvenuta nel film “Martin Eden” gli ha fatto vincere la Coppa Volpi alla recente edizione del Festival di Venezia.

Durante la premiazione il famoso attore ha espresso queste parole:

Ho questo premio tra le mani anche grazie a Jack London, che ha creato questo personaggio meraviglioso, un marinaio che cercava la verità. Vorrei ringraziare tutti i marinai e le persone che salvano gli uomini in mare.

Per questo vorrei dedicare questo premio a tutte le persone splendide che sono in mare, a salvare altri esseri umani che fuggono da situazioni inimmaginabili. E grazie anche per evitarci di fare una figura pessima con noi stessi e con il prossimo. Viva l’umanità, viva l’amore.”

Pur essendo mosso da principi lodevoli, le parole di Luca Marinelli non sono state affatto prese alla leggera dall’associazione dei consumatori Codacons, la quale ha espresso il suo disappunto in un’aperta dichiarazione:

La Coppa Volpi come miglior attore a Luca Marinelli rappresenta una delle pagine più imbarazzanti della storia del cinema italiano». In questa edizione anche dopo la chiusura della Mostra, continuano ad arrivare al sito del Codacons messaggi di protesta perché, in modo del tutto imprevedibile, il premio come miglior attore non è andato alla splendida interpretazione di Joaquin Phoenix per il suo ruolo in Jocker (sic!) (a detta di tutti, pubblico e critica, miglior interprete tra i film in gara). 

“Invece la Coppa Volpi è andata a Luca Marinelli il quale nel suo discorso di ringraziamento (leggendo un testo già pronto!) si è abbandonato ad un pistolotto politico sulla questione dei migranti. Il Codacons intanto si ripropone di consegnare alla prima occasione utile un riconoscimento di scuse a Joaquin Phoenix a nome di tutti i veri italiani appassionati di cinema.”

L’improvviso accanimento del Codacons è stato accolto con numerosa ilarità dalle persone nei social, le quali hanno evidenziato il fatto che “l’indignazione cinematografica” sia solo un pretesto per assaltare le dichiarazioni politiche di Luca Marinelli e sia stata gestita con una base assolutamente pessima.

A queste critiche si è unito Mattia Ferrari (in arte Victorlaszlo88), uno dei recensori cinematografici più famosi di YouTube Italia (il suo canale conta circa 186.000 iscritti), il quale ha realizzato un video sulla faccenda.

Nel video la celebre webstar attacca aspramente il Codacons, evidenziando prima di tutto l’errore più grave che evidenzia la sterilità della critica: il film “Joker” avente come protagonista l’attore Joaquin Phoenix ha vinto il Leone d’Oro al miglior film.

Perché questo è un dettaglio importante? Semplicemente perché secondo il regolamento del festival, la pellicola che vince il Leone d’Oro al miglior film non può avere un altro premio, quindi anche se la Coppa Volpi non fosse stata consegnata a Luca Marinelli, Joaquin Phoenix non sarebbe stato premiato comunque.

Inoltre la webstar ha sottolineato un’altra cosa: al posto di “Joker”, il Codacons ha pubblicato le sue proteste scrivendo “Jocker“, dimostrando che quest’ultimo si sia informato ancora meno di quanto abbia già lasciato intendere e confermando sempre di più il mero interesse di far parlare di sé piuttosto che l’interesse cinematografico.

L’ultima critica che Mattia Ferrari ha voluto evidenziare è il fatto che il Codacons abbia voluto criticare aspramente un messaggio di un attore (dato che il cinema da sempre si occupa anche di politica nei suoi messaggi) che lo scopo di diffondere l’amore contro la morte, cosa che a detta del recensore è assolutamente inaccettabile.

Per rimanere aggiornato su tutte le news, tutte le recensioni e tutte le interviste riguardanti il mondo di YouTube che scriviamo sul sito, scarica l’app.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *