Young Signorino: il nuovo fenomeno da baraccone

young signorino foto

Young Signorino, nome d’arte di Paolo Caputo, è un rapper cesenate che si auto-definisce il filosofo del trap.

Se la Dark Polo Gang infastidisce forse Young Signorino farà incazzare proprio chi spera ancora di ascoltare testi decenti in questo 2018.Prendere sul serio questo “artista” è davvero difficile, le sue canzoni contengono solamente versi e inneggiano di continuo alla droga, il tutto chiudendo zero rime nel classico stile della trap.

L’idea di fondo di Young Signorino è frutto di un esperimento interessante: cosa succede se prendi gli elementi distintivi della trap e li porti all’estremo? Se anziché pensare a chiudere o no le rime togli quasi del tutto le parole? Se continui a sottrarre contenuto fino a non averne più? Ecco cosa viene fuori:

Video ultima canzone di Young Signorino

Young Signorino nella sua vita ha avuto gravi problemi psichiatrici per un continuo abuso di psicofarmaci e a causa di questa sua dipendenza nel 2016 è stato in coma per molto tempo.

Le sue ultime affermazioni su questa vicenda sono: “Ho preso troppi farmaci. L’ho fatto apposta per divertirmi e vedere se potevo cambiare personalità. E così infatti è stato. Ora mi sento la milf della trap. Sulla carta d’identità sono giovane, dentro invece ho quarant’anni. Sono saggio.

Inoltre dice: “Il mio scopo è cambiare le regole nel mondo. Voglio un nuovo Ordine Mondiale, un pianeta molto molto strano. Devo rimanerci solo io e quelli con la mia mentalità. Riuscirò a convertire tutti e sono sicuro che ce la farò. Finora sta andando bene, molta gente mi segue. La mia mentalità da Signorino che si veste elegante ma con una mentalità strana.

Affermazioni tanto strane quanto il personaggio che si è creato, con i suoi video che fanno centinaia di migliaia di visualizzazioni (ma anche tanti dislike) toglie spazio a chi davvero sa fare musica poiché ha studiato e fatto sacrifici enormi per riuscirci.Andare in studio e fare versi nel microfono pubblicando un video su YouTube non è fare musica.

 


 

 

 

Commenti