CiccioGamer89 piange in live per la faccenda della tv

CiccioGamer89 piange in live televisione

Le cose sono andate davvero peggio del previsto

La sera del 30 Novembre è andata in onda una puntata di “Mai Dire Talk” su Italia 1. In questa puntata è stato ospite il gamer Mirko Alessandrini, conosciuto sul web come CiccioGamer89, ma l’iniziativa è stata un disastro: per tutto il tempo in cui lo YouTuber si è mostrato alle telecamere, quest’ultimo è stato solamente preso in giro dai presentatori (che non l’hanno mai lasciato parlare e non si sono risparmiati neanche battute sul suo peso) e le poche informazioni rilasciate su di lui dal programma lo hanno fatto passare agli occhi del pubblico televisivo come un nullafacente (potete trovare i dettagli sull’intero qui).

Come se non bastasse l’umiliazione in televisione, numerosi utenti hanno aspramente criticato Mirko Alessandrini accusandolo di essersi fatto trattare male solamente per accumulare un’altra somma di denaro.

Come sappiamo Mirko Alessandrini è stato spesso al centro di critiche nel web, ma a quanto pare l’intera faccenda per lui è stata l’ultima goccia, perché il giorno dopo il noto gamer si è sfogato in una live di Twitch, con toni senza rabbia ma pieni di tristezza:

“Mi fa male sentire numerosi colleghi che dicono che tutto quello che faccio gira sempre intorno ai soldi. Probabilmente io ho avuto certi atteggiamenti sbagliati oppure è la gente che vuole sempre pensare così. Vi dico come sono andate realmente le cose: io mi sono fidato molto del mio manager che mi ha detto che sarebbe stata una cosa carina per divertirci e per farci vedere da persone che non mi conoscono, pubblicizzando inoltre la mia guida di Fortnite e allargando i nostri orizzonti facendoci conoscere da un pubblico differente.

Io sapevo che programmi di questo genere gestiti da persone come Mago Forest puntano molto alla presa per il c**o. Per esempio io rispetto tantissimo Paolo Bonolis ma anche lui a volte esagera sulle battute riguardo l’obesità, oppure anche Teo Mammuccari che, detto molto simpaticamente alla romana, andrebbe preso a schiaffi per i programmi televisivi che fa perché va a offendere molto sul personale. Io, per la mia professionalità, non ho voluto sapere niente di quello che succedeva nello show in cui sono andato, perché io sono una persona che va molto tramite l’istinto e non mi piace avere copioni. Io sono una persona che affronta quello che capita con il sorriso, anche se non in questo caso ovviamente perché dopo un certo punto qualcuno da qualche parte deve pure crollare.

Io (che avevo pure la febbre in quel momento), non sapevo niente di quello che sarei andato ad affrontare. Con la band dei Gialappa ci sono cresciuto e sapevo che Mago Forest è un tipetto un po’ particolare ma ero comunque deciso ad andare. Ovviamente non potevo immaginare che su 7.000 video che ho fatto nel canale quelli andavano a mettere nella clip il pezzo del cornetto alla nutella in faccia, oppure il pezzo del ladro, oppure battute sul mio peso, etc. Ma questo perché? Perché la televisione italiana funziona così: alla gente piace questo e loro danno quello che piace alla gente. Certo, non è che noi qui su YouTube e su Twitch siamo migliori: basta per esempio che Favij si arrabbia per determinate cose che dico io, anche se sono mie parentesi e mie opinioni, e la gente impazzisce. Adesso io sto mettendo in mezzo Favij perché le cose sono successe di recente con lui, ma potevo mettere in mezzo Blur ai tempi, etc.

Io quindi non sapevo niente di quello che mi avrebbero detto, non sapevo niente. Ora secondo voi, con tutto l’amore del mondo, io che cosa avrei dovuto fare una volta che ho sentito quelle cose? Perché tutti pensano solo ai soldi e non si immedesimano in me, un ragazzo che ha ancora della pelle in eccesso, è ancora grasso, ha problemi sentimentali, è senza amici e sta cercando di costruirsene di nuovi? Tutti gli stanno addosso appena possono e ci sta, questo lo capisco e può andare bene…. tuttavia penso che nessuno si sia messo lì ed abbia detto “Possibile che Ciccio sapeva tutto questo ed è andato a farsi prendere per il culo?” Questo a me dispiace perché è normale che io non lo sapevo, ma in quel caso che cosa dovevo fare? Dovevo andare a litigare con Mago Forest ed insultare la Gialappa’s band? In quel momento io dovevo ridere, annuire e prendere quello che mi stava arrivando.

Ma questo perché l’ho fatto? Perché sono sicuro di essere cresciuto molto in questo periodo come persona e non voglio fare gli errori che ho fatto in passato. Io so che il web mi avrebbe guardato e sono sicuro che se avessi reagito nuovamente tutto il web mi sarebbe venuto addosso con commenti del tipo “Cicciogamer89 se la prende sempre, CiccioGamer 89 è permaloso, a CiccioGamer89 non si può dire niente.” Sono sicuro che se avessi reagito in maniera differente saremmo tornati al punto del “Eh, ma fatti una risata per una volta.” Se mi dessero la possibilità di esprimere quel che penso di YouTube lo farei, ma quello non era il contesto adatto per agire in quella maniera.

Mi dispiace perché io ho provato a reggere fino ad ora, pensando “Ma si, mi hanno preso per il c**o, non fa niente” per cercare di andare avanti, ma quando vedo che poi il web si mobilita, in questo caso anche a mio favore, pensando e dicendo delle inesattezze allora è troppo difficile. Probabilmente ho sbagliato io perché in passato mi sono fatto una nomea sbagliata, mi sono fatto vedere a quanto pare per la persona che non sono oppure mi hanno voluto costruire così. “Ehi, ma Mirko ha affrontato 3 operazioni per perdere peso e dovrà affrontarne altre 5, chissà come l’ha presa per le battute del peso?” Quasi nessuno dei miei colleghi ha pensato qualcosa del genere.

Anche quando mi dicono che faccio i live show per i soldi a me dà fastidio, perché voi non lo sapete che io ho guadagnato 4.000 euro circa per gli spettacoli di Lucano, Legnano e Napoli. Con 2.500 persone circa che sono venuti a vedermi io ho guadagnato circa 4.000 euro che mi andranno in società e da lì dovrò pagare le tasse. Tutto il rischio che ho dovuto fare per creare lo show, per creare gli impegni, per affrontare quello che sarebbe potuto succedere nel caso gli spettacoli fossero andati male per colpa mia… vi devo dire che per 4.000 euro non vale la pena. Pensateci: se io avessi messo un dindarolo in un “CiccioGamer89 Live Show” ed ogni persona mi avesse lasciato 2 euro io avrei fatto più di 7.000 euro di guadagno. Per farvi capire: su un biglietto che costa 27 euro di media mi hanno dato circa 1,70 a persona. Chi li ha presi quei soldi? Sono andati nelle spese ma a me non importa, perché l’importante è che i miei fan stiano bene. La gente non capisce che io faccio queste cose a teatro perché io veramente voglio bene ai miei fan e veramente ci tengo a lasciare bei ricordi…. e dicono sempre che lo faccio per soldi. Ma poi anche se lo facessi per soldi si sta parlando sempre del mio lavoro e la cosa è normale.”

Dopo queste parole Mirko non riesce più a trattenersi e numerose volte, durante tutto il resto del discorso, si mette dei fazzoletti agli occhi per trattenere in tutti i modi il pianto invano.

“Ma poi se tra 5 anni io smetto di fare lo youtuber non mi ricorderà più nessuno. La gente pensa che io mi senta chissà chi, ma io so perfettamente che basta un colpo di vento e sparisco. A me dispiace farmi vedere in questo stato ma è quello che provo ora. Anche Favij non è andato su livelli tanto alti rispetto a quello che ha fatto la Gialappa’s band. Vogliamo fare un po’ di visual? Facciamo piangere Cicciogamer89. Perché se loro pensano che io il pianto lo faccio perché voglio compassione o perché voglio le visite non hanno capito assolutamente niente. Piangiamo tutti come CiccioGamer89, tanto a noi che ce ne frega? Io non mi sono mai tirato indietro e mi sono sempre esposto. Quello che vedete sono io, anzi, molto probabilmente adesso sta parlando Mirko e non il mio personaggio perché lui non avrebbe mai pianto. Se le cose andranno male quanti di voi mi rimarranno vicino? Non è cattiveria, non sto dicendo che siete tutti così, ma io sono già preparato ad una situazione del genere.

Io cerco di scrollarmi di dosso questo peso, ma poi vedo colleghi, che magari neanche lo fanno apposta (e sono sicuro che alcuni non lo fanno apposta), che dicono che lo faccio solo per soldi. Io non capisco perché, anche per il fatto che sono uno degli YouTuber più famosi con meno gadget in commercio in assoluto. Per esempio su YouTube mi arrivavano un sacco di donazioni, ma quante volte vi ho detto che io non voglio le donazioni dirette, ma preferisco avere una fanbase che mi supporta con i prime e con le sub? Avere un prime o 6 euro al mese non è mai come togliere 500 euro ad una persona. Io non voglio avere donazioni dirette togliendo soldi alla gente, perché non ho dimenticato il valore del denaro, non ho dimenticato quanto uno possa faticare per avere i soldi.

Pochi dei miei colleghi hanno pensato a come mi possa essere sentito, perché sorridere alle persone che ti ridono tirandoti fuori di nuovo il cornetto alla nutella e di nuovo la faccenda del peso è difficile. Quelli di “Mai Dire Talk”, con tutte le cose belle che ho fatto, non ne hanno cacciato mezza fuori. Hanno detto per esempio che io ed i miei fan abbiamo accumulato 12.000 euro che abbiamo dato per assegno per le vittime del terremoto ad Amatrice? Hanno detto che io sono dimagrito cento chili? Hanno detto che abbiamo fatto beneficenza alimentare sempre per il terremoto? Hanno detto che all’ultimo live show abbiamo raccolto i giocattoli per Save The Children? Non hanno detto niente di tutto questo perché non interessa a nessuno parlare delle cose buone che facciamo sul web… ma non mi aspettavo neanche una tale presa per il c**o.

È quello che i nostri genitori vogliono vedere in televisione e che purtroppo vuole anche il web. Ancora per la faccenda del cornetto: la gente non sa o non ha voluto sapere che in realtà io ne ho presi 2 di cornetti in faccia dalla stessa persona mezz’ora l’uno dall’altro. La gente mi dice “eh, ma potevi ridere per il cornetto.” Io l’ho fatto. Ho riso, mi sono andato a lavare per due minuti, sono tornato a fare autografi e mezz’ora dopo il tipo e tornato un’altra volta per lanciarmi il cornetto in faccia e lì è scattato il “Pigliatelo! Pigliatelo!” che poi è diventato tragicamente un meme.

Adesso io sto piangendo di fronte a 7.000 persone, ma poi della gente prenderà le clip e farà i video che finiranno in tendenze con 700.000 visite e molte altre persone continueranno a pensare che ho fatto tutto questo per le visualizzazioni. E che devo fare io? Realizzare un ulteriore video e creare nuove guerre su YouTube? A me non va più di fare queste cose. Io voglio stare tranquillo ed avere una vita piacevole per riavere ciò che non ho mai avuto.”

Mirko Alessandrini a quanto pare si è sfogato moltissimo ed ha tirato fuori tutta la sua sensibilità, ma a quanto pare lo stesso numerosi utenti hanno continuato ad insultarlo e la cosa è davvero triste. Molta gente ha anche scritto che è un bambino perché ha pianto a 30 anni. Nel 2018 c’è ancora tanta gente che pensa che un uomo adulto non possa piangere, che vergogna. Ma oltretutto è vero che questa persona ha sbagliato in certi momenti (ed anche noi non ci siamo astenuti dal criticarlo), ma sul serio dopo tutto quello che ha subito ancora non siete contenti e continuante ad insultarlo senza nemmeno un briciolo di pietà? Il guaio è che voi siete convinti che se una persona è famosa siete autorizzati a dirgli le peggiori cose possibili, dimenticandovi che state parlando ad un essere umano… ed un essere umano non diventa immune alla cattiveria e all’umiliazione solamente perché è più famoso di voi. L’invidia ed il pregiudizio vi rende ignoranti e meschini. In tutta questa faccenda è venuta fuori la spazzatura della televisione… ma è venuto fuori anche il lato oscuro del web che neanche stavolta ha voluto risparmiarsi.

Per chi volesse vedere il video della reazione di Mirko Alessandrini può cliccare qui.

Tuberfan

Questo articolo è stato scritto e curato da Andrea Barone!

TuberFan è la prima piattaforma al mondo di eventi virtuali per webstar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *