The Late Show con Karim Musa: La recensione della seconda stagione

Si, lo so che avevo detto che l’articolo di oggi avrebbe analizzato solamente il secondo periodo della prima stagione (da molti ribattezzato direttamente come effettivamente la seconda stagione perché Karim dichiarò che l’ultimo episodio da noi trattato fosse la conclusione della prima). Tuttavia c’è una grossa novità avvenuta ieri: il celebre comico Karim Musa, poiché il 4 Ottobre esce il film “Venom”, ha deciso di anticipare la data della diffusione del primo episodio della nuova edizione del Late Show ad oggi. Per questo motivo, siccome gli articoli sarebbero dovuti uscire prima dell’inizio della terza stagione, ho deciso di completare il tutto in questo mio ultimo lavoro. Quindi, dopo aver analizzato l’intera carriera di Karim e dopo aver analizzato tutti gli episodi del primo periodo della prima stagione del Late Show, adesso analizzeremo tutti i restanti episodi dello show. La seconda stagione è iniziata il 15 settembre del 2016 procedendo a ritmo mensile per poi concludersi il 5 giugno del 2017. In realtà la seconda stagione sarebbe la seconda parte della prima stagione, ma siccome, quando Karim l’ha divisa, ha confermato solamente alla fine che tutte le puntate appartenenti a questo periodo appartengono invece ancora alla prima, la chiameremo seconda stagione per evitare confusione. Avviso che ci saranno alcuni spoiler nelle analisi, per questo vi consiglio di dare un’occhiata a qualche episodio se non sapete neanche cosa sia lo show (e vi garantisco che ne vale la pena).

1° Episodio: “PAUSA – Pokémon

Durante il periodo di MOSTARDA, il secondo format più apprezzato dal pubblico è stato PAUSA, format che consiste nel guardare dopo tanti anni il primo episodio di una serie d’animazione della propria infanzia per vedere se la serie sia invecchiata bene o male. Avendo lo stesso Karim amato il format, ha deciso di riportarlo in vita nel primo episodio di questa seconda stagione, commentando il primo episodio della prima serie animata dei Pokemon. Questa decisione è dettata anche dal cercare di voler portare contenuti sempre più variegati nel canale. Dato il soggetto, a parte una divertente frecciatina alle condizioni dell’attuale Youtube Italia, la puntata non va oltre il semplice intrattenimento. Nella sua semplicità l’episodio riesce a divertire, anche se in certi punti il vedere Karim che tratta una serie animata orientale come una occidentale irrita abbastanza. In Oriente, quando si tratta di animazione, anche quando essa è rivolta ai bambini, solitamente sono molto più analitici dell’Occidente. Per questo motivo lo stupore di Karim nel vedere una serie “”“per bambini””” che approfondisce i personaggi fa storcere il naso non poco. Al di là di questo l’episodio è ben riuscito, pure se paragonato ad altri non è nulla di eccezionale.

2° Episodio: “Quella volta che ho ballato per il focus

Il video stavolta ritorna nella struttura più classica: Karim vuole analizzare un evento accaduto sul web che riguarda proprio lui stesso ed il suo essere finito involontariamente nei territori internazionali nella forma di una specie di meme (anche se si sta parlando di una funzione diversa che è più semplice da capire se guardate direttamente il video). L’episodio di per sé riesce ad interessare lo spettatore non solo per i tempi comici di Karim, ma soprattutto per la stranezza degli eventi raccontati da quest’ultimo. Se all’inizio sembra che il video voglia solamente intrattenere raccontando una storia, esso in realtà raggiunge un ottimo livello grazie all’inaspettata riflessione finale di Karim sui danni che internet ed i media possono involontariamente causare quando essi sono senza controllo e non si preoccupano delle conseguenze. Tutti questi elementi mischiati insieme rendono la puntata una delle migliori della seconda stagione.

3° Episodio: “BEVIAMOCI SU – Quello del treno

In realtà questo dovrebbe essere un semplice video che possa riempire il vuoto dello spettatore in attesa del vero episodio successivo, ma siccome Karim farà in seguito diventare questo format come parte dello show, ho deciso di considerare già questo parte della serie. Il format “BEVIAMOCI SU” mostra semplicemente Karim raccontare in maniera ironica una situazione particolare avvenuta con uno o più fan mentre questi ultimi lo hanno riconosciuto per strada. Il primo episodio del format si dimostra molto divertente grazie alla capacità di Karim di raccontare la situazione come se esso fosse uscito direttamente da un numero della sua stand-up comedy. In sostanza nulla di particolarmente profondo, ma di certo un buon video d’intrattenimento che nella sua semplicità riesce anche ad essere migliore di “PAUSA”, almeno in questo episodio.

(Karim Musa in una puntata che presenta il format “BEVIAMOCI SU”

4° Episodio: “HALLOWEEN – Brividi, ma piccoli.

Questa volta Karim tratta dell’influenza che ha lasciato la celebre serie letteraria e televisiva “Piccoli Brividi”. Nonostante la premessa, l’episodio finisce per diventare un altro della serie “PAUSA” e per questo tutto quello che si riesce a prendere da esso è semplicemente Karim che intrattiene bene lodando la serie (pur comunque evidenziando i difetti) ed i colpi di scena. Niente di brutto, ma allo stesso tempo niente di particolarmente interessante anche perché la serie di “Piccoli Brividi” era stata già trattata in maniera molto simile in un altro video di Karim ben prima della nascita del Late Show. Nota di merito al simpatico finale. In sostanza un episodio carino, ma niente di eccezionale.

5° Episodio: “Che pago a fare, se posso scaricare?

In questo video Karim vuole ricordare allo spettatore quanto lo streaming legale possa risultare comodo e, senza tralasciare mai la sua vena ironica, elenca in quasi tutto l’episodio tutti i siti streaming che ha provato negli ultimi tempi evidenziando i loro pregi ed i loro difetti. Un episodio quindi molto utile che potrà interessare soprattutto agli amanti del cinema, delle serie tv e di questi servizi. Nell’ultima parte dell’episodio Karim cerca anche di fare un discorso che possa analizzare la questione dei costi di queste piattaforme ed il problema della pirateria, attaccando fortemente chi non rispetta il lavoro degli altri. Il problema è che proprio l’ultimo punto dell’ultimo terzo del video si limita semplicemente ad una replica e non ad un vero e proprio approfondimento che probabilmente avrebbe centrato meglio l’obiettivo. L’unico difetto di questo episodio quindi è di essere durato troppo poco nell’ultima parte. In sostanza tuttavia Karim è riuscito a fare un video che non solo intrattiene, ma che si dimostra molto utile nonostante abbia dovuto approfondire meglio alcune analisi.

6° Episodio: “Come Yotobi salvò il Natale

Su questo video davvero non c’è molto da dire: a parte l’inizio che è una piccola critica alle mode di Internet dell’anno 2016, il resto è semplicemente Karim che elenca film natalizi poco conosciuti (di cui la maggior parte sono so bad it’s so good) da guardare in questo periodo, in modo da rispolverare alcuni vecchi ricordi dei primi anni del canale. In sostanza un episodio leggero e carino, ma nulla di veramente interessante o esaltante.

7° Episodio: “Un salutone al 2016

Questo episodio, caricato nell’ultimo giorno di Dicembre, ha una struttura particolare: si tratta semplicemente di uno sfogo di Karim in cui lui analizza attraverso di esso tutte le paure che possono attraversare un comico che ha costruito la sua intera carriera nel web, facendo capire allo spettatore che lui non continuerà ancora per molto a dipendere solamente dalla piattaforma perché ciò non è umanamente possibile. Inoltre Karim nel video critica enormemente il sistema dell’Italia ed evidenzia le dovute difficoltà per riuscire a trasformare la comicità nella propria professione a tempo pieno. Nel finale inoltre Karim evidenzia anche le assurdità del web italiano che fa salire in alto qualunque idiozia che in realtà non merita il successo che riscuote nella piattaforma. Se all’apparenza può sembrare un semplice video sfogo, in realtà risulta essere un video molto interessante ed il finale ironico riesce anche ad attenuare le paure finali che hanno lasciato riflettere lo spettatore per tutto il video. Il video probabilmente più atipico del suo intero show, ma questo non è affatto un difetto e risulta invece molto riuscito.

8° Episodio: “Lettera Aperta ad Aldo, Giovanni e Giacomo

In questo video Karim decide di fare qualcosa che non aveva mai fatto prima: indirizzare l’episodio direttamente ad uno dei gruppi comici più famosi d’Italia, analizzando i motivi per cui non vede più i loro lavori come una volta ed il come essi possano tornare ad essere quelli di un tempo. Il video si dimostra molto ben approfondito e mai irrispettoso nei confronti delle persone a cui Karim si sta riferendo. Si nota stavolta un’ironia molto meno marcata rispetto agli altri video, probabilmente perché Karim ha cercato in tutti i modi di non dare l’impressione di voler prendere in giro i comici in questione. Inoltre Karim cerca anche di analizzare la differenza tra la comicità realistica e quella demenziale, spiegando il perché secondo lui la prima funzioni molto più della seconda, specialmente quando si tratta di Aldo, Giovanni e Giacomo. L’opinione di Karim non deve per forza essere condivisa, ma risulta comunque molto convincente proprio perché si tratta di un ragionamento specifico che analizza bene ogni singolo punto. Nonostante il poco utilizzo di ironia, la puntata risulta essere una delle più interessanti ed una delle più riuscite dell’intero Show.

9° Episodio: “GODZILLA – “Tutti i film, in poche parole

Dopo un grandissimo episodio ecco che invece arriva la discesa più totale. In questo video Karim affronta per la prima volta la figura di Godzilla, icona culturale di cui egli è sempre stato un grande fan. Fare un video su Godzilla è davvero un’ottima idea, perché nonostante sia uno dei personaggi più famosi di tutti i tempi, in Italia è davvero troppo bistrattato. Bisogna quindi lodare l’iniziativa di Karim, ma non il modo in cui ha affrontato il tutto. Prima di tutto egli non fa alcuna analisi del personaggio se non all’inizio, dimostrandosi anche inaspettatamente inetto (“Hanno fatto tra i combattimenti più belli della storia del cinema… ma allo stesso tempo sono solo degli stuntman nelle tute”. Quali tute? Quelle degli anni 60-70? Li è facile rispondere “E grazie.” Quelle degli anni 2000 che è il periodo della serie? Una frase troppo fraintendibile e mal inserita nel contesto.). Nel video Karim si limita semplicemente a riassumere tutte le trame di ogni singolo film. Per quanto questa iniziativa limiti enormemente le possibilità di un’analisi approfondita (i film di Godzilla in tutto sono più di 30), c’è ancora la possibilità di poter interessare bene lo spettatore. Il problema tuttavia è che Karim, per mantenere la giusta dose di ironia, evidenzia solamente le scene ridicole dei film anni 60/70 che non sono per niente contestualizzate e, se si elencano, in tutto occupano 10 minuti su ben 30 pellicole. In questo modo Karim ha fatto apparire al pubblico una delle migliori serie cinematografiche di tutti i tempi come una buffonata. Senza ombra di dubbio questo è il peggiore episodio non solo della seconda stagione, ma dell’intero Late Show.

10° Episodio: “Hai visto La La Land?

Questa volta Karim decide, tramite il pretesto di parlare di un film famoso in quello specifico periodo, di analizzare per la prima volta la figura generale dell’influencer. Nel video Karim cerca di mostrare quanto in realtà su internet la figura dell’influencer sia molto meno banale di quello che possa sembrare fuori da internet, anche se ciò causa nel pubblico medio non poche antipatie nei confronti degli yotuber di conseguenza. In questo modo il celebre comico non mostra solo la percezione delle persone nei confronti dell’influencer, ma mostra che, proprio a causa del pubblico, lui debba essere attento a fare le proprie considerazioni senza che esse vengano fraintese troppo dal pubblico. Dopo quindi il grosso precedente scivolone, Karim questa volta tira fuori un video molto analitico e allo stesso tempo ben dosato nell’impostazione ironica, riuscendo a realizzare uno degli episodi migliori dell’intero Late Show.

11° Episodio: “Un’onda (energetica) di ricordi

All’inizio il video doveva essere un’altra puntata a base di “PAUSA”, stavolta a tema “Dragon Ball”. Tuttavia caso vuole che durante la stesura dell’episodio Karim venga contattato dal cantante Giorgio Vanni, di cui uno dei suoi lavori più celebri è proprio la sigla della menzionata serie animata, per partecipare allo show. L’episodio in questo modo viene diviso in due parti: la prima in cui Karim guarda e commenta la prima puntata di Dragon Ball insieme Vanni stesso, facendo in modo che quest’ultimo riveli molti aneddoti riguardanti la realizzazione di una sigla e l’influenza che essa lascia, e la seconda in cui invece Vanni commenta testi delle sue stesse canzoni insieme a Karim per rivelare altri curiosi aneddoti. Per quanto l’episodio faccia parte del format “PAUSA” solo in parte, esso si rivela il più interessante tra tutti proprio grazie alla presenza di Giorgio Vanni (che in effetti si rivela il primo e per ora unico ospite dello show) e la seconda parte rende il video ancora più ricco a livello di contenuti. In assoluto anche questo uno dei migliori episodi dell’intero show.

(Karim Musa e Giorgio Vanni nell’episodio appena analizzato)

12° Episodio: “La Lettera

Per quanto Karim non lo dichiari apertamente, questo episodio segue quasi la stessa impostazione della lettera dedicata ad Aldo, Giovanni e Giacomo, con la differenza che stavolta i soggetti sono Massimo Boldi e Christian De Sica. Nel video infatti Karim analizza la storia dei cinepanettoni in modo molto obiettivo e specifica la differenza recitativa che c’è tra Boldi e De Sica. Nella seconda metà dell’episodio tuttavia il celebre comico smette di trattare il lato cinematografico e tratta invece quello umano, leggendo in maniera molto ironica la lettera che Massimo Boldi aveva scritto a De Sica più di un anno fa implorandolo a tornare insieme (anche se, almeno da quanto confermato da loro, tale lettera si è rivelata successivamente solo una burla per distogliere il pubblico). Attraverso tutte queste analisi infine Karim fa un importante discorso di quanto spesso la gente dimentichi che dietro la star, dietro l’artista… tutte le volte si nasconde una persona. Essendo mai confermato durante l’episodio che esso sia una sorta di lettere indirizzata ai due celebri comici, Karim stavolta, a differenza del video dedicato al trio di Aldo, Giovanni e Giacomo, si prende molte più libertà ironiche che non sono mai fuori posto. Considerando che quasi un anno dopo verrà annunciato il ritorno della celebre coppia comica, questo video sembra quasi una premonizione. L’ottima importante analisi unita ad un’impostazione comica davvero ben riuscita rendono questo episodio il migliore dell’intera seconda stagione del Late Show ed uno dei migliori video che Karim in assoluto abbia mai fatto.

Ultimo Episodio: “Volare con i piedi per terra

Questo episodio è stato il più acclamato dell’intera stagione, poiché in esso, a causa dello scoppio della celebre Adpocalypse, Karim analizza il fatto che prima o poi uno youtuber smetterà di lavorare sul web e che, non avendo effettivamente fatto nulla nella sua intera carriera, avrà gigantesche difficoltà a lavorare nel mondo esterno dopo aver lasciato la piattaforma. Tuttavia l’episodio non è tutta questa meraviglia. Il motivo è perché Karim in questo video, pur di intrattenere il più possibile (cosa che poi ammetterà lui stesso nel video successivo), estremizza troppo la situazione e generalizza in una maniera spaventosa tutti gli youtuber esistenti sulla piattaforma italiana. In questo modo anche youtuber che sono attori, registi, cantanti o qualunque altra forma da artista possibile, vengono trattati come se fossero uguali alle figure dei gamer e dei vlogger. Stupisce anche questa generalizzazione e questo estremismo dato che Karim stesso è un comico che sta in qualunque modo cercando di aprirsi una strada nel mondo dello spettacolo, quindi nel video distrugge in maniera davvero sorprendente persino la sua figura. Si può capire l’umiltà, si può capire l’intrattenimento, ma da qui ad alterare spaventosamente i dati obiettivi bisogna che ci sia una profonda linea di confine. Come già esclamato prima, questo episodio è uno dei peggiori dell’intero Late Show. Questo episodio non solo è il più sopravvalutato tra tutti i lavori di Karim, ma è in assoluto uno dei peggiori dell’intero Late Show.

 

Dopo aver analizzato la seconda parte della prima stagione, analizziamo invece gli episodi della vera seconda stagione che è iniziata il 6 settembre del 2017 procedendo a ritmo mensile per poi concludersi il 20 febbraio del 2018 per forza di cose (ovvero trovare uno studio per realizzare la terza stagione).

 

1° Episodio: “Il Fidanzato Ideale

Con questo inizio Karim vuole continuare ad analizzare la figura delle star che una volta cadute, per guadagnare qualche spicciolo, sono costrette a vendersi per fare qualunque cosa. Nella puntata in questione inoltre Karim ammetterà gli errori commessi nell’ultimo video. Per continuare questa analisi Karim commenta un prodotto audio-visivo con protagonista Beppe Convertini, una delle idee più imbecilli che siano mai state realizzate in Italia. Sebbene non si discosti molto dalle classiche recensioni di prodotti trash fatte da Karim nel suo periodo iniziale, l’episodio riesce comunque non solo ad intrattenere (nota di merito al finale davvero geniale), ma anche a lasciare allo spettatore un messaggio che indichi che in effetti quando la fama comincia a calare la vita rischia di essere non proprio una delle migliori a livello artistico, rischiando che un normale lavoratore perda anche la propria dignità. Non uno dei migliori episodi della stagione, ma indubbiamente è riuscito ed è interessante.

2° Episodio: “BEVIAMOCI SU – Yoshim

Su questo non mi dilungo affatto: ha la stessa impostazione del primo video dedicato al format “BEVIAMOCI SU”, quindi alla fine il risultato è lo stesso. In conclusione un altro buon video di intrattenimento, ma niente di più.

3° Episodio: “Una Lampadina Sempre Accesa

In questo video stavolta Karim analizza l’importanza di una buona idea che si cela sempre dietro ad ogni tipo di lavoro svolto. L’episodio si dimostra molto analitico e ben dosato a livello di ironia. Il merito forse lo ha ancora di più la scelta del soggetto, ma l’episodio in questione, per il modo in cui viene trattato il tutto che è molto simile agli altri migliori episodi che assumono lo stesso stile nelle stagioni precedenti, si dimostra essere il migliore dell’intera vera seconda stagione.

4° Episodio: “Undici anni e sentirli tutti

In questa puntata Karim fa semplicemente un commento a piccoli lavori realizzati dai suoi fan per lui ringraziandoli tutti e per festeggiare gli 11 anni del suo canale. Un video simpatico anche grazie alla diversa genialità dei lavori realizzati dai fan e dimostra in effetti tutto l’affetto che essi hanno sempre dato a Karim stesso, ma per quanto riguarda i contenuti in questione l’episodio non è niente di speciale.

5° Episodio: “Super Cartolina di Natale

In questo video Karim commenta l’idea di “Super Vacanze di Natale”, un cinepanettone realizzato da Paolo Ruffini e da Pietro Morana che sarebbe uscito poi al cinema il 14 dicembre del 2017. La particolarità di questo “film” è che esso non presenta alcun materiale girato per un’effettiva sceneggiatura, ma è semplicemente un montaggio di quelle che sono considerate da Paolo e da Pietro le migliori scene di tutti i cinepanettoni usciti fino ad allora prodotti da Aurelio De Laurentiis. Un’idea così becera che si commenta da sola e Karim è riuscito senza problemi a prendere in giro l’intero progetto attraverso una sempre ottima ironia. Il problema del video arriva nella seconda parte del video in cui Karim prende in giro anche un’intervista realizzata da Paolo Ruffini. Karim infatti distrugge senza problemi ogni dichiarazione fatta da Ruffini non solo sul progetto, ma su elementi del genere del cinepanettone in generale, evidenziando quanto siano assurde le sue dichiarazioni, senza tuttavia mai mostrare anche il motivo per cui Paolo ha espresso le dichiarazioni in questione. Se tuttavia si da un’occhiata all’intervista intera si nota perfettamente che diverse dichiarazioni fatte da Paolo Ruffini, anche se si può perfettamente non concordare con esse, sono obiettivamente ragionate e mai davvero campate per aria. Non bisogna mai dare per scontato che un professionista che non si sopporta sia allo stesso tempo un’ignorante cinematografico, cosa che ha fatto apparire Karim nel video esagerando ancora una volta pur di intrattenere. L’episodio in questione è per questo riuscito a metà, ma non è comunque brutto anche se sarebbe potuto essere uno dei suoi migliori lavori.

6° Episodio: “BEVIAMOCI SU – Letteralmente un Open Bar

L’unica differenza che c’è tra questo video e gli altri appartenenti al format di “BEVIAMOCI SU” è che stavolta, oltre a Karim, ci sono anche altri youtuber a raccontare esperienze strane avute con i fan (per esempio Lorenzo Ostuni, gamer conosciuto dal web come Favij, oppure Alessandro Masala, conosciuto dal web come Shy e gestore del web-giornale Breaking Italy). Il problema principale del video è che, nonostante le situazioni molto carine raccontate, esso risulta molto lento a causa del fatto che la capacità di esporre gli avvenimenti di questi youtuber non si avvicina minimamente alle capacità d’intrattenimento di Karim per quanto riguarda i tempi comici, in questo modo tutto risulta molto discontinuo e ci sono continui cali nel ritmo. Non è per forza un brutto video, ma a livello di impostazione e di tempi è il peggiore dell’intero Late Show.

7° Episodio: “L’Eredità del Ragioniere

Stavolta Karim decide di dare un vero e proprio omaggio ad uno degli artisti italiani più amati degli ultimi 40 anni: Paolo Villaggio. Karim analizza non solo la figura dell’attore e del celebre personaggio di Fantozzi, ma tenta anche di spiegare il perché egli sia stato tanto importante per lui. L’impostazione del video ed i tempi comici sono sempre impeccabili, il problema è l’equilibrio del video poiché, a differenza di altri lavori, Karim cerca di approfondire il più possibile ogni singolo punto dell’argomento, ma finendo tuttavia per non dare abbastanza spazio ad altre parti, soprattutto nella parte in cui parla proprio della figura di Fantozzi, nonostante anche in quel punto riesca comunque a catturare il nucleo del discorso. In sostanza è uscito fuori un buon video con alcuni punti un po’ morti, ma comunque piacevole da guardare anche se in questo argomento Karim avrebbe potuto dare di più.

Ultimo Episodio: “Diario di un Compratore di Visual

In questo ultimo video Karim vuole trattare il tema della possibilità di poter riuscire a comprare iscritti e visualizzazioni su Youtube. Per analizzare ciò il celebre comico decide di sperimentare lui stesso la cosa e, creando un canale fasullo, prova a comprare visualizzazioni, per vedere man mano se la cosa effettivamente riesce. Tutto ciò ricorda molto “DARKANGELCRAFT – Storia di un canale emergente”, splendido video altrettanto sperimentale e dal forte vena documentaristica, realizzato nel periodo dei “MOSTARDA”. La scelta originale dell’operazione riesce enormemente a tenere incollato lo spettatore che fino alla fine del video vorrà sapere se questo sistema effettivamente funziona. Ciò che rende infatti questo video molto degno di essere guardato è proprio l’atmosfera avvolta da un’incredibile curiosità che riesce ad aiutare enormemente il già eccellente lavoro svolto da Karim dal punto di vista dell’intrattenimento. Inoltre ogni singolo punto è approfondito e non c’è mai nulla che venga tralasciato. In questo modo l’episodio in questione è sia il miglior finale di stagione e sia uno dei migliori lavori svolti da Karim nell’intero Late Show, risultando persino migliore dell’altro video documentaristico appena menzionato.

Tra alti e bassi, il Late Show si è dimostrato essere uno dei migliori progetti che siano mai arrivati nel web ed in assoluto la migliore svolta fatta da Karim Musa. Proprio in questo giorno uscirà il primo episodio della nuova stagione realizzata questa volta con molta più larghezza di mezzi e con l’uso di ospiti. Riuscirà Karim a lasciare il segno sul web prima di terminare la sua carriera nella piattaforma? Lo scopriremo a breve. Buona fortuna Karim!

(questo articolo è stato scritto e curato da Andrea Barone)

TuberFan è la prima piattaforma al mondo di eventi virtuali per webstar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *