Favij stupisce ancora: “Ormai sono finito”

favij Ormai sono finito.

Il celebre gamer Lorenzo Ostuni, conosciuto sul web come Favij, ha dichiarato negli ultimi tempi di volere fare un gigantesco cambiamento nel suo canale, annunciando addirittura l’arrivo di due web-serie e diventando sempre più originale nei suoi ultimi gameplay. Ieri, alle ore 13.45, ha pubblicato un video lungo poco più di 2 minuti intitolato “Ormai Sono Finito.”

favij video Ormai sono finito.
(Una scena del cortometraggio)

Il video (che potete vedere qui) stavolta non è un gameplay, ma un vero e proprio cortometraggio. Esso fa vedere Lorenzo Ostuni intento a riflettere sul destino del suo canale tramite un monologo interiore, poiché egli non sa più come fare un prodotto che possa attirare il pubblico, mentre le cose che finiscono oggi in tendenza sono sempre più discutibili. Nel video c’è anche una frecciatina riferita al gamer CiccioGamer89 che aveva criticato l’avvertimento di Lorenzo Ostuni riguardo la faccenda #SaveYourInternet. Fa inoltre piacere ritrovare nel cortometraggio il comico Marco Merrino, conosciuto sul web come Croix89, che farà a Lorenzo una ramanzina fondamentale per capire il video. Il cortometraggio è davvero ben curato dal punto di vista tecnico, Lorenzo Ostuni si dimostra adatto a recitare di nuovo ed il messaggio, per quanto il video sia breve, è estremamente chiaro: se la qualità sul web è davvero discutibile e non vale più nulla, allora è assolutamente necessario creare dei contenuti nuovi. Le poche battute nel cortometraggio funzionano ed il finale è estremamente esilarante (avente un inaspettato omaggio ai film di Bud Spencer e Terrence Hill per giunta). Se Lorenzo Ostuni continua a sfornare prodotti del genere, egli non potrà più essere definito semplicemente gamer (e considerando che il cortometraggio ha fatto in un giorno poco più di 400.000 visualizzazioni il pubblico sembra apprezzare). La sua voglia di cambiare ed il suo impegno nel creare contenuti nuovi si stanno facendo sentire sempre di più.

 

(Articolo scritto e curato da Andrea Barone)

Commenti